Close

27/05/2019

La prima settimana del Varesotto

Archiviate le prime due tappe: Cardano e Quinzano San Pietro. La prima, sicuramente più “semplice”, con pochi cambi di direzione e con l’unica difficoltà rapppresentata dal falso piano incontrato prima di metà gara che qualche strascico ha lasciato agli atleti per lo spunto finale; la seconda, invece, sicuramente più affascinante ed impegnativa,  con un percorso caratterizzato da due salite impegnative e dal tratto finale tra le viuzze del centro della frazione.

I portacolori dell’Atletica PAR non hanno assolutamente sfigurato anche se si aspetta di più da loro. In particolare dalle “giovani menti”. Loris ha avuto un ultimo km decisamente lento nella prima tappa che gli ha fatto perdere parecchio terreno in generale e solo per pochi centesimi è riuscito a mantenere il primato sociale di tappa a discapito del redivivo Coach Roberto a cui è mancata la zampata finale; sicuramente meglio la seconda tappa dove è riuscito a rosicchiare qualche secondo ma ancora non abbastanza per entrare nella Top 50. Giulio invece, dopo aver visto arrivare davanti a lui il suo mentore Umberto in quel di Cardano, ha deciso di emularlo in tutto per tutto nella seconda con una prestazione imbarazzante adducendo “problemi” intestinali….chissà se domani stoppa?! Niente male Giovanni che senza allenamento riesce dapprima a duellare con Marco(visti i tempi in allenamento sui 400m ci si aspetta di più) e ad arrivare davanti a Giulio nella seconda; lontani i tempi in cui girava a 3’30” ma sicuramente cerca di dare il massimo, come i due neofiti della manifestazione Francesco ed Ivan, che siamo sicuri rimarranno contenti dei miglioramenti e dei risultati a fine giro. Luisa, unica quota rosa per noi nel circuito, forse soffre la mancanza di competizione per cercare di andare oltre i propri limiti ma comunque buonissime le prestazioni ed è pure molto fortunata per la cena vinta durante l’estrazione della seconda tappa. Grandissimi anche Daniele e Paolo che sgomitano con i loro avversari per portare i colori PAR al traguardo nel miglior modo possibile.

Domani è già tempo di scendere in “pista” con la tappa di Golasecca che si preannuncia molto ostica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.